Comune di Pasturana - portale istituzionale

Vivere green

23/10/2020

 VIVERE  GREEN

Pasturana è un piccolo comune di 1276 abitanti alle porte di Novi Ligure, nel Piemonte sud est.

È un comune residenziale, in territorio collinare, ma questo non deve assolutamente far immaginare ad un paese sorto  per esigenze abitative del centro zona.

I primi rudimenti storici di Pasturana risalgono al 969 quando, “Pastoranium” è menzionata in una donazione della Regina Adelaide al monastero di San Salvatore di Pavia. Tale possesso viene confermato con un Diploma di Ottone II dell’11 ottobre 981 a favore dello stesso Monastero, dove il paese era compreso nell’antico Contado di Tortona. In seguito, con l’atto convenzione stipulato a Gavi il 15 agosto 1172 tra gli Alessandrini e Alberto Marchese di Gavi, i primi si obbligarono a custodire e difendere in caso di guerre i castelli e le terre di proprietà dl secondo, ossia Pastoriana, Gavi, Montaldeo, Aimero e Tassarolo.

Nel 1192 Pasturana si trova già sotto la Repubblica Genovese, e vi rimane, subendo alterne vicende che vedono coinvolti i Marchesi di Gavi, gli Spinola ed i Marchesi del Monferrato, fino al 1313, anno di investitura di Enrico VII, imperatore di Germania che, per dimostrare la sua benevolenza a Opizzino Spinola di Luccoli, gli concede in Feudo alcuni luoghi della Valle Scrivia e Lemme comprendente anche “Castrum et Burgum Pastoranae“.

Tutto ciò evidenzia che Pasturana è un borgo con un proprio patrimonio storico sia in termini di letteratura sia di edifiici; verso la metà del 1500 si trova menzionato, “a nord dell’abitato, sopra un poggio, il bel Palazzo con giardini laterali dei Marchesi Spinola”, e nel 1590 “una chiesetta rurale, officiata da un parroco”; nella seconda metà del secolo XVII i Marchesi Trotti fanno edificare l’attuale Chiesa Parrocchiale dedicata a San Martino e la Chiesa dedicata alla SS.ma Trinità.

Tutte questi edifici sono ancora attivi  e il “bel Palazzo” abitato.

L’Amministrazione comunale ha inteso adeguare  la storia e la quiete di Pasturana con un progetto “GREEN” affinchè i suoi abitanti possano apprezzare a tutto tondo il territorio, ma con un concetto innovativo che non alteri la bellezza dei luoghi.

Al tempo stesso il borgo può fungere da attrattore per il territorio sia per fruire dei servizi che sono offerti, sia per la bellezza e la tranquillità dei luoghi che lo rendono appetibile per passeggiate, percorsi in bici e per escursioni culturali.

RICICLO RIFIUTI

Dal 2005 l’ente ha adottato una politica di riciclaggio dei rifiuti che ha portato nel 2018 a riciclare una percentuale pari all’ 85%, attraverso il sistema del porta a porta.

A questo ottimo risultato si è giunti con una buona informazione e ottima collaborazione dei cittadini.

Il riciclaggio riguarda la plastica, la carta, il vetro,  l’umido, gli olii esausti e la raccolta del verde.

IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Sempre dal 2019  l’Ente ha intrapreso un’attività di conversione degli impianti di illuminazione pubblica, scegliendo il LED. Sono stati sostituiti n. 130   lampioni fornendo energia pulita a tutto il borgo.

La stessa soluzione è stata adottata nell’ambito degli edifici pubblici: palazzo comunale, edificio scolastico e punto tappa (Ostello).

Le suddette installazioni saranno dotate di SIM con la possibilità di verificare in remoto l’eventuale malfunzionamento degli impianti e di provvedere nell’immediato senza verifiche sul posto e conseguenti disservizi per i cittadini

E’ in corso un progetto di trasformazione in luci a LED dell’illuminazione votiva presso il Cimitero Comunale.

ENERGIA PULITA

E’ stato costruito un parco fotovoltaico della potenza di 97 kw, che fornisce all’Ente un’entrata pari a circa 65.000,00€ annuali, con lo scopo di reinvestirli in innovazione.

E’ in corso un progetto di installazione di colonnine elettriche nell’area Camper, già attiva, che consenta al movimento turistico di ricaricare i propri mezzi elettrici.

Risulta evidente che i residenti non hanno problemi di “ricarica” proprio perchè Pasturana è zona residenziale, ma i numerosi visitatori potranno sfruttare questa opportunità.

La posizione geografica di Pasturana, Comune compreso nella zona di produzione del vino D.O.C. di Gavi, ne consente l’inserimento di diritto negli splendidi itinerari proposti nei sei percorsi tematici delle strade del vino dall’Associazione Alto Monferrato.

E’ territorio deputato ai percorsi ciclistici, sia per la tradizione storica (Terre di Fausto Coppi e Costante Girardengo) sia per il territorio collinare dolce, che ne consente ottimi allenamenti e meravigliosi paesaggi.

Ne è testimonianza l’Ostello denominato Punto Tappa.

Sono stati installati 4 dissuasori velocità alimentati con pannelli fotovoltaici.

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

Le strutture pubbliche sono state dotate di moderne caldaie a bassa emissione di CO2

Gli interventi hanno riguardato il palazzo comunale, gli edifici scolastici e gli impianti sportivi.

SPESA A KM 0

Il comune è dotato di un piccolo mercato settimanale votato al KM 0

Grazie alla filiera corta si tagliano gli intermediari, si eliminano i prezzi legati al trasporto e alla grande distribuzione, raggiungendo così un risparmio finale che va a tagliare il 30% del prezzo. Il risparmio per l’acquirente finale non è l’unico vantaggio economico.
Con la spesa a chilometro zero si aiuta l’economia locale con una ridistribuzione del denaro e si garantisce qualità e freschezza dei prodotti che sono raccolti al momento, quindi non si accumulano in celle frigorifere, nei camion o sugli scaffali di un supermarket.

L’Amministrazione ha in corso un progetto per far rivivere il vecchio forno del paese. Anche questo intervento sarebbe favorevole all’economia a KM 0 del borgo.

SERVIZI A KM 0

Sempre nell’ambito del KM 0 Pasturana è dotata di Farmacia, di Servizio Postale e di scuole primarie e secondarie di primo grado.

La tranquillità del luogo fa si che questi servizi siano offerti non solo ai residenti e la loro sopravvivenza ne è la diretta testimonianza.

Le scuole accolgono 130 studenti attraendo i bimbi del territorio circostante. Non sono presenti situazione di pluriclasse, né obblighi di dimensionamento imposti dalle norme legislative.

L’Ente è dotato di un servizio biblioteca con un numero di libri pari a 11.350, oltre ad essere in rete con il centro zona e un servizio di biblioteca MLOL (la prima rete italiana di biblioteche digitali. Una piattaforma per l’accesso al digital lending (prestito digitale) di ebook, quotidiani e periodici da tutto)  a cui tutti cittadini possono collegarsi per la lettura di  testi di ogni genere.

La biblioteca svolge settimanalmente laboratori creativi per i bimbi.

E’ in corso un progetto per la nascita di un nido in famiglia, con contributi di inizio attività per chi vorrà intraprendere questa iniziativa.

E’ in corso un progetto di seminari, workshop, seminari residenziali per l’avvicinamento dei giovani alla Pubblica Amministrazione, al fine di una crescita responsabile e il “vivere green” sarà una delle tematiche da affrontare.

E’ in corso un progetto di laboratori e seminari sul concetto di dipendenza sempre rivolto ai giovani.

Ovviamente tutti questi progetti vogliono fungere da attrattore non solo per il borgo.

Ultima modifica: 23 Ottobre 2020 alle 11:56
torna all'inizio del contenuto